Peccato per quelle curve semi-vuote…

Featured Video Play Icon

Sono stati oltre 15.000 gli spettatori che ieri hanno assistito all’incontro valevole per  il “Cariparma test match” tra Italia e Fiji, ma non si può nascondere l’amarezza nel vedere le curve semi-vuote. Alla fine solo la tribuna A e la tribuna B erano esaurite in ogni posto.

Possiamo dire che il “popolo del rugby”  era presente e ha risposto con entusiamo arrivando da tutta l’isola.Forse è mancato il “pubblico occasionale” per intenderci quello che si appassiona ad uno sport solo in determinati circostanze.

Secondo il mio punto di vista sono state diverse le ragione che hanno tenuto lontano il pubblico nelle curve.Analizziamole nel dettaglio

  • 15 euro non sono pochi per un biglietto di curva e settore ospite e per questa ragione in molti hanno preferito vedere la partita in tv.
  • Risultati non entusiasmanti.Nell’ultimo anno la nazionale ha faticato parecchio rimediando sonore sconfitte.
  • Mancanza di uomini simboli.Questa nazionale presenta moltissimi giocatori alle prime gare.Sicuramente giovani con grandi prospettive ma non in grado di  attirare il pubblico come facevano qualche anno fa i vari Castrogiovanni, Lo Cicero,Perugini, i Bergamasco ect ect.
  • Poca pubblicità dell’evento.In due mesi ,dalla presentazione della partita ad ieri , sono state pochi i messaggi promozionali .A parte qualche manifesto 6×3 poco è stato fatto.Sono mancati gli spot televisivi che in questi casi fanno da grande cassa di richiamo alla partita.

Alla fine però mi sento dire che la Sicilia non ha fatto mancare il giusto apporto in termini di presenza e calore.Siamo sempre al solito dilemma del “bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno”.A mio modesto parere questa volta il bicchiere è decisamente pieno..

Related posts

Leave a Comment