Arcidiacono su azioni Sac in cambio di terreni: ”Giunta Bianco viola Piano di riequilibrio”

“E’ un fatto positivo che il Comune di Catania entri nella SAC ma è inaccettabile che ciò avvenga aggirando e violando apertamente il Piano di riequilibrio varato dal Consiglio comunale nel 2013 e riformulato lo scorso 29 settembre del 2016 per ridurre l’enorme debito delle finanze comunali, he si è aggravato negli ultimi tre anni.

Lo scrive in una nota inviata alla stampa il Vice Presidente Vicario del Consiglio Comunale Sebastiano Arcidiacono

Il risanamento è un vincolo obbligatorio per l’Amministrazione Comunale che può compiere solo azioni finalizzate a ridurre il debito, senza deviare dai rigidi binari stabiliti dal Piano, neanche per garantirsi una poltroncina nel Cda della Sac. La scelta di cedere un terreno del valore di 6,25 milioni di euro in cambio di azioni societarie anziché denaro liquido-aggiunge Arcidiacono-,  tradisce la misura numero n.9 azione n. 33 del Piano che obbliga il Comune a cedere beni patrimoniali per finalizzarle esclusivamente alla riduzione della massa debitoria.

Il sindaco Bianco ha preferito la cessione dell’area comunale in cambio di una piccola quota (1,8 %) delle azioni Sac, che non prevede dividendi,- e conclude Arcidiacono– dunque in violazione dell’obbligo di realizzare introiti per il Comune, anziché la difficile e doveroso strada del risanamento, mantenendo l’impegno assunto con lo Stato e la Corte dei Conti per il superamento dell’attuale stato di predissesto.

 

0 thoughts on “Arcidiacono su azioni Sac in cambio di terreni: ”Giunta Bianco viola Piano di riequilibrio””

Write a Reply or Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *