Gara rifiuti deserta.Arcidiacono e Notabartolo:” Bianco condanna la città allo stato di degrado”

In una nota congiunta affidata alla stampa il Vice Presidente del Consiglio Sebastiano Arcidiacono e il consigliere del gruppo misto Niccolò Notabartolo criticano l’operato della Giunta Bianco .Di seguito il comunicato che vi proponiamo in forma integrale.

 

La gara per l’affidamento del servizio di spazzamento e raccolta dei rifiuti è andata per l’ennesima volta deserta. Conseguenza di ciò è che la città sarà condannata a mantenere l’attuale affidamento, che avrebbe dovuto essere temporaneo, alle ditte Senesi ed Ecocar per svariati mesi  ancora. Catania, a dispetto delle decine di milioni di euro spese annualmente per il servizio, resterà sporca e degradata, ma soprattutto continuerà ad essere incapace di raggiungere le soglie minime di raccolta differenziata che la legge impone.  E i cittadini, per un servizio così scadente,  continueranno ad essere tartassati pagando l’imposta sui rifiuti più alta d’Italia. In un settore vitale della città, che assorbe una parte significativa delle risorse comunali, il fallimento di Bianco e della sua Giunta è palese e non ammette giustificazioni. In cinque anni l’amministrazione Bianco, non solo non è riuscita a migliorare lo scadente servizio offerto negli anni passati, ma non è stata capace neanche di mettere in piedi un bando di gara che permettesse di sperare in un futuro diverso. Il sindaco, contrariamente al mito che ama costruire di sé stesso, dimostra di non essere capace di amministrare la città e di interpretare questo tempo che evidentemente lui non capisce. Raccolta differenziata, pulizia, decoro sono parole a lui sconosciute che evidentemente non fanno parte del suo vocabolario, orgogliosamente ancorato ad un passato che non c’è più. Catania ha davvero bisogno di voltare pagina.

Related posts

Leave a Comment