Patto per Catania, Ance: «Urgente far partire i cantieri»

«La Cassa Edile della nostra provincia, negli ultimi nove anni, ha registrato una riduzione della massa salari di oltre il 60%, è quindi di vitale importanza per le imprese etnee di costruzioni e per l’intera città avviare il prima possibile i lavori finanziati dal Patto per Catania» ha affermato il presidente Piana, manifestando all’assessore  Arcidiacono la piena disponibilità dell’Ance a individuare le soluzioni migliori per poter aprire i cantieri in tempi brevi e portare a compimento le opere secondo le scadenze previste.

«Inoltre – ha continuato Piana – invitiamo l’assessore Arcidiacono a partecipare, con il proprio contributo, al tavolo tecnico #CataniaSicura, voluto dall’Ance e dagli altri attori della filiera edile per sostenere concretamente l’urgente piano d’azione di prevenzione antisismica che occorre alla città. Un impegno già esposto al governo nazionale e a quello regionale affinché il grave rischio sismico di Catania sia riconosciuto e affrontato con la dovuta attenzione».

Arcidiacono ha assicurato che «nonostante la difficile situazione finanziaria del Comune, i progetti e i cantieri previsti dal Patto per Catania e dalle altre fonti di finanziamento europee non subiranno rallentamenti poiché il loro cofinanziamento è già stato garantito. Le risorse disponibili – ha continuato l’assessore – sono di un’entità tale da far ripartire il settore edile catanese e dare un nuovo volto urbanistico alle diverse aree della città. Inoltre, altri finanziamenti in arrivo dalla Regione consentiranno di realizzare parcheggi e di costruire opere per contrastare il rischio idrogeologico. Partiremo dalla zona industriale, perché è obiettivo primario dell’Amministrazione comunale renderla finalmente attrattiva per il sistema delle imprese».

All’incontro oltre a Piana e Arcidiacono era presente anche il direttore del relativo ufficio del Comune Corrado Persico.

Related posts

Leave a Comment