Lasicilia24ore

Il M5S interroga Pogliese: perché i servizi di protezione dei luoghi di lavoro e di sorveglianza sanitaria sono stati assegnati alla Mast Srl e a Mario Chisari con affidamento diretto?

in No Comment
Comunicati Stampa https://i1.wp.com/www.lasicilia24ore.it/wp-content/uploads/2019/09/logo5stelle-2.jpg?fit=457%2C480&ssl=1 https://i1.wp.com/www.lasicilia24ore.it/wp-content/uploads/2019/09/logo5stelle-2.jpg?resize=150%2C150&ssl=1 Lasicilia24ore 0 https://www.lasicilia24ore.it/2019/09/14/il-m5s-interroga-pogliese-perche-i-servizi-di-protezione-dei-luoghi-di-lavoro-e-di-sorveglianza-sanitaria-sono-stati-assegnati-alla-mast-srl-e-a-mario-chisari-con-affidamento-diretto/#respond
272

A fine agosto, con due provvedimenti dirigenziali sono stati assegnati, con la procedura dell’affidamento diretto, i servizi di protezione dei luoghi di lavoro e di sorveglianza sanitaria, rispettivamente alla Mast Srl e al dottore Mario Giuseppe Chisari (nome di casa a Palazzo degli Elefanti: tra il 2005 e il 2013 è stato consigliere comunale, assessore e vicesindaco). Il compenso? Euro 21.960 per la ditta e 18 mila per il medico competente, per un periodo di quattro mesi, con scadenza al 31 dicembre 2019.
Perché questi servizi sono stati attribuiti con affidamento diretto e non con la trattativa diretta, che è esplicitamente prevista sul Mepa (Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione)? E come mai nelle delibere dirigenziali si scrive, in contrasto con l’evidenza dei fatti, che – secondo la Direzione Ragioneria Generale Appalti e Contratti – “i servizi di RSPP e medico competente non sono inclusi in alcuna area merceologica del MEPA”?

Domande, queste, che il gruppo consiliare del M5s pone al sindaco Pogliese, alla Direzione risorse umane, alla presidenza del Consiglio e al Segretario generale, in una interrogazione a risposta scritta, prima firmataria Valeria Diana.

La trattativa diretta è una nuova procedura utilizzata per l’affidamento, che garantisce “il rispetto dei principi di economicità, efficacia, tempestività, correttezza, libera concorrenza, non discriminazione, trasparenza, proporzionalità, pubblicità, nonché del principio di rotazione”. Diverse amministrazioni comunali (Cattolica e Taormina, ad esempio) si sono servite del Bando servizi, perché anche Catania non dovrebbe farlo?

“Se fossero confermati i vulnus nella procedura di affidamento dei due servizi – chiede la consigliera Diana – non sarebbe opportuno annullare in autotutela i provvedimenti dirigenziali, per evitare eventuali sanzioni e garantire maggiore trasparenza e rispetto dell’interesse pubblico?”.

https://i1.wp.com/www.lasicilia24ore.it/wp-content/uploads/2019/09/logo5stelle-2.jpg?fit=457%2C480&ssl=1

0 thoughts on “Il M5S interroga Pogliese: perché i servizi di protezione dei luoghi di lavoro e di sorveglianza sanitaria sono stati assegnati alla Mast Srl e a Mario Chisari con affidamento diretto?”

Write a Reply or Comment