Calcio Catania risponde ricostruzione sito web :” Paradossale, confusa, non suffragata da alcun riscontro oggettivo .”

Redazione

In riferimento all’articolo pubblicato in data odierna sul sito catanista.eu e firmato dal giornalista Attilio Scuderi, il presidente del Calcio Catania e liquidatore di Finaria Gianluca Astorina smentisce categoricamente le affermazioni, destituite di ogni fondamento, contenute nei periodi riportati testualmente: “Aspetto importante: la Rimodulazione, dopo il no della prima proposta, ribadiamo è nata a 4 mani tra i consulenti della Cordata e le esigenze del Catania con Di Natale e Astorina, liquidatore di Finaria, in prima linea. Ad  oggi il silenzio di Finaria da dove nasce? Perché Finaria non accetta dato che la riformulazione è figlia di intese avviate tra le parti, perché?”. 

“Le premesse del testo  – chiarisce il liquidatore – non corrispondono minimamente al vero e gli interrogativi, pertanto, sono privi di senso.
Qualsivoglia “riformulazione” o “rimodulazione” di una manifestazione d’interesse è logicamente frutto dell’autonomia negoziale del proponente e delle valutazioni compiute dallo stesso, sulla scorta delle indicazioni eventualmente ricevute dai propri consulenti.
L’illazione avanzata dal signor Attilio Scuderi è paradossale, confusa, non suffragata da alcun riscontro oggettivo e lesiva della reputazione di tutte le parti in causa. Simili gravi inesattezze possono infatti danneggiare Finaria e Calcio Catania in maniera sostanziale, pertanto sono obbligato a replicare. 

Il fine della liquidazione è quello di vendere, compreso e anzi soprattutto l’asset Calcio Catania. Tale vendita potrà avvenire esclusivamente alle condizioni ed ai patti corretti e di legge.
È chiaro, quindi, che il liquidatore di Finaria ha il ruolo di ricevere dapprima le proposte, non certo di formularle, e poi di valutarle.
Appare inoltre quantomeno singolare credere che l’eventuale promittente acquirente abbia bisogno di supporto, per formulare le proprie manifestazioni o proposte: tale stravagante ipotesi getterebbe anche un’ombra di scarsa consistenza sullo stesso promittente acquirente, che merita invece rispetto e considerazione, come già ribadito da Finaria con la risposta ufficiale alla prima proposta ricevuta”.

Lo comunica il Calcio Catania Spa sul proprio sito ufficiale.

Lascia un commento

Next Post

𝗔𝗰𝗶 𝗖𝗮𝘀𝘁𝗲𝗹𝗹𝗼 𝗻𝗼𝗻 𝗱𝗶𝗺𝗲𝗻𝘁𝗶𝗰𝗮 𝗹𝗮 𝘀𝘁𝗿𝗮𝗴𝗲 𝗱𝗲𝗹 𝟮 𝗺𝗮𝗴𝗴𝗶𝗼 𝟮𝟬𝟬𝟯

È stata una mattinata all’insegna del commosso ricordo delle vittime della strage che il 2 maggio 2003 sconvolse Aci Castello. Oggi il sindaco Carmelo Scandurra ha deposto un mazzo di fiori sulle tombe delle vittime della strage di Aci Castello.  Presenti anche il vice sindaco Orazio Sciacca, il Presidente del […]