Aci Castello dice No al 5G

Redazione

Il primo cittadino, infatti, ha emanato l’ordinanza 147 del 2020 per vietare la sperimentazione o l’installazione di apparecchiature per la telefonia mobile cellulare che sfruttano le tecnologie e gli standard di “quinta generazione” con prestazione e velocità superiori a quelle della precedente tecnologia 4G.

Nell’ordinanza firmata dal primo cittadino vengono citati gli studi dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) che nel 2011 ha classificato i campi elettromagnetici delle radiofrequenze come possibili cancerogeni per l’uomo. Riportate anche le risultanze della ricerca dell’Istituto Ramazzini – Centro di ricerca sul cancro “Cesare Maltoni” – che ha studiato esposizioni alle radiofrequenze mille volte inferiori a quelle utilizzate nello studio sui telefoni cellulari del National Toxicologic Program (USA), e ha riscontrato gli stessi tipi di tumore. Le motivazioni che ancora che si possono leggere nell’ordinanza sono diverse. Si va dalle risoluzioni del Parlamento europeo del 2009 e 2011 in merito al riconoscimento dell’Elettrosensibilità come disabilità; si prosegue con la citazione di diversi studi (ad esempio Rea 1991, Havas 2006 e 2010, McCarty 2001) che insistono sulla possibilità di identificare persone con ipersensibilità elettromagnetica.
Il divieto resta valido in attesa della nuova classificazione della cancerogenesi annunciata dall’International Agency for Research on Cancer, applicando il principio precauzionale sancito dall’Unione Europea.
«Fino a quando non ci saranno studi che dimostreranno la totale assenza di pericolo per la salute pubblica, ad Aci Castello il G5 è vietato. Abbiamo bisogno certezze».

Lascia un commento

Next Post

I dati confermano il calo.Nessun nuovo contagio,meno ricoveri e più guariti

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato alle ore 16 di oggi (martedì 5 maggio), in merito all’emergenza #Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all’Unità di crisi nazionale. Dall’inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 91.306 (+4.140 rispetto a ieri), su 82.079 persone: di queste sono risultate […]