Lunedi i rilievi per la verifica per consolidamento sul costone del Lungomare

Redazione

Ad aprile del 2019 con Ordinanza n° 7 dell’Uta di Catania veniva ordinata l’interdizione di alcune aree marittime delle coste castellesi per il sussistere del pericolo per la pubblica incolumità causato dal dissesto idrogeologico.
Tra queste zone veniva a rientrare anche l’area sottostante il lungomare Cristoforo Colombo di Aci Castello, Piazza Castello compresa, con la conseguenza – per i bagnanti – che veniva posto il divieto di poter fruire dell’area sotto il castello.
All’incirca 10 anni fa sono state realizzate delle opere di consolidamento del costone roccioso finalizzate alla riclassificazione del rischio e della pericolosità geomorfologica della zona in questione. Mancando però oggi una verifica tecnica sulla effettiva tenuta nel tempo dell’intervento, in base a quanto previsto nel piano di manutenzione, l’area era rimasta relegata alla valutazione PAI che ne decreta a tutt’oggi la pericolosità.
Lunedì 11 maggio 2020 – dopo i lavori preliminari di pulizia e scerbatura – il tecnico individuato dal Comune comincerà i rilievi per la verifica. L’incarico era già stato affidato il 3 marzo scorso, ma il professionista individuato dal Comune, a causa dell’emergenza Coronavirus, non aveva potuto cominciare le attività volte alla verifica.
Sarà quindi, sulla base delle risultanze ottenute e degli eventuali interventi proposti dal tecnico incaricato che l’amministrazione comunale potrà richiedere all’Assessorato Regionale la riclassificazione dei livelli di rischio e di pericolosità geomorfologica attualmente previsti nel vigente PAI dell’area in questione. Ultimata tale procedura sarà pertanto possibile rendere nuovamente fruibile il tratto di costa attualmente interdetto.

Lascia un commento

Next Post

Il Catania risponde al Comitato: "Speriamo presenti offerta concreta"

Preso atto del ritiro della manifestazione d’interesse già presentata dal “Comitato per l’acquisizione del Catania Calcio” in data 10/04/2020, Finaria S.p.A. si augura che le rinnovate intenzioni del citato comitato possano confluire concretamente, al di là delle enunciazioni di principio ribadite nell’arco degli ultimi mesi, in una proposta d’acquisto tale […]